• Call : +39 024989436 Cell:+39 3498404967
08gen
2018
0

Come Fermare le tenere Incursioni Notturne

Spesso i neogenitori fanno dormire i propri figli nella propria camera da letto;

Questo comunemente accade perchè i neogenitori non si fidano a laciarli da soli anche se la canera del bambino è a pochi passi di distanza, perché questo rende l’allattamento o il cambio dei pannolini molto più facile e veloce.

A volte però capita che i bambini occupino il lettone molto oltre lo svezzamento e a volte questo attaccamento al lettone può protrarsi persino oltre gli 8 anni.

Se vuoi dormire meglio, se vuoi smettere di farti male pestando a piedi nudi i lego sparsi in giro quando ti alzi per andare in bagno di notte, se vuoi riprendere possesso della tua camera da letto e della tua intimità matrimoniale senza accontentarti dei pochi momenti di intimità che riesci a ricavarti quando lasci i bimbi dai nonni nel weekend.

Se ogni notte, il tuo bambino viene nella tua camera da letto dicendo:

“Mamma ho paura.” oppure “Non voglio stare da solo”.

Continua a leggere questo articolo…..

Abbiamo raccolto una serie di consigli per aiutarti a fermare le innocenti incursioni notturne dei tuoi figli:

acquistare biancheria da letto graziose, divertente

dare un peluche che gli tenga compagnia

usare una luce notturna o una torcia elettrica adatta ai bambini,

riempire una bottiglia di “Spray anti Mostro”

in modo che lei si senta al sicuro (e forse addormentarsi all’odore della lavanda).

Usa tende e copertine della Disney con stampate sopra i suoi cartoni animati preferiti,

se non funziona o se tuo figlio dice che continua ad avere degli incubi.

non arrabiarti e non urlagli addosso, perchè non serve a niente

anzi spesso peggiora solo le cose.

Alcuni bambini odiano rimanere da soli.

Anche se cercate di farli ragionare e fate di tutto per fargli capire che non c’è nulla di cui avere paura,

a certi bambini l’idea di stare soli la notte li spaventa e terrorizza.

Un bambino spaventato cerca solo la sicurezza nelle braccia dei propri genitori.

L’approccio migliore è quello di scoprire la causa o le cause che stanno alla base del comportamento del tuo bambino.

Spesso nemmeno loro sono in grado di indicarti in modo diretto cosa non gli piace o cosa li spaventa veramente, allora puoi usare queste domande per aiutarlo a scoprire cosa scatena il suo comportamento:

Cosa ti piace mentre dormiamo insieme?
Cosa ti da sicurezza?
Cosa non ti piace della tua nuova camera?
Cosa pensi che accadrà se dormi da solo?

Se non risposonde subito, i sembra che vuole dire qualcosa ma non riusce

aspettato e usando un tone il più gentile e paziente possibile fagli nuovamente la domanda

rassicurandolo e spiegandogli che non c’e’ niente di male in quello che pensava e che avrei capito.

Quando finalmente vi spiega a parole sue cosa lo spaventa quando sta da solo in una grande camera da letto
:
e magari scoprirai che l’aria condizionata che faceva muovere le tende che la inseguivano o che le mancava il suono di suo padre che russa o che sentiva che la stanza era “così silenziosa da essere strana”.

Fai un elenco di tutto quello che dice dargli fastidio e poi pensa ad un modo per rimediare e migliorarla.

Cerca di raggiungere un accordo con lui sul fatto che troverete assieme un modo per superare queste paure fino ad arrivare ad abituarsi a dormire nella sua stanza:

Rimanere a letto con lei finché non si addormenta.

Creato una playlist di musica rilassante che l’aiuta ad addormentarsi

Tenere accesa la sua lampada.

Togliere o raccogliere le tende.

Se vi dice che si diverte e che gli piace un sacco stare tutti insieme nel letto.

Stabilisci una sera a settima in cui fare un specie di pigiama party familiare una sera dove stare tutti insieme nel lettone una sera in cui e’ persino concesso mangiare a letto.

All’inizio non sarà semplice, ci vorrà un po prima che le cosa inizi a funzionare.

Le prime settimane dovrete alzarmi dal letto, accompagnare pazientemente tuo figlio nella sua stanza

e rimanere lì finché non si addormentava di nuovo.

Sarà come avere di nuovo un neonato.

Ma dopo due mesi si abituarà al concetto di avere la sua stanza ed inizierà a piacergli.

Sai quale è l’aspetto peggiore di tutte questo?
che quando ci riuscirai sentirai la mancanza di quel suo bussare alla porta, ti mancherà sentirlo dire:

“Non posso dormire senza di te, mamma.”

La cosa piu dura da superare per un gentirore è passare mesi a cercare di farli stare da soli,
e renderli più indipendenti e che quando finalm,ente ci riesciurai ti mancherà da morire qulle tenere ed innocenti incursioni notturne.

Vai alla barra degli strumenti